IL “BUONO” DI INSEGNARE

Chi ha lavorato con me, nelle mie start up, ma anche chi mi conosce bene, sa che mi piace molto insegnare. Trovo che sia una questione di generosità l’aver voglia di condividere esperienze e conoscenze.

Considerata la mia propensione a parlare, soprattutto di cucina, ho approcciato la parte teoria dell’insegnamento in scioltezza, salvo poi accorgermi che è molto più facile e leggero cucinare. O forse è che la parte dell’insegnamento che prediligo è quella con le mani in pasta.

Trattandosi di un corso finanziato ci sono procedure da seguire e anche l’approvvigionamento delle materie prime deve seguire il proprio iter. Se i ragazzi erano impazienti di provare sul campo, io ero anche più ansioso di loro di mettermi all’opera. Quando abbiamo messo le mani sulla spesa è scattata la scintilla e in un giorno abbiamo battuto tutti record, producendo pasta, focacce e mettendo la carne sottovuoto, in marinatura per la cottura con roner del giorno successivo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...